Chi siamo

L’Istituto Comprensivo IC “E. BORRELLI” è identificato dal codice meccanografico: NAIC8B6005

Indice dei contenuti

L’Istituto Comprensivo IC “E. BORRELLI” nasce nell’anno scolastico 2012/2013, sotto la Direzione della dott.ssa Carla Farina, a partire dall’ 1 Settembre 2012 (D.L.29/02/2012, prot.n°481), a seguito del dimensionamento della Scuola Media Statale “Borrelli” di S. Maria La Carità con l’acquisizione del Plesso “Petraro” , Scuola Infanzia e Primaria, sito in via Lattaro,12 S. Maria La Carità, proveniente dalla Direzione Didattica “ E. De Filippo”. ed è situato in Via Scafati,10 Santa Maria la Carità

Struttura dell’Istituto

L’istituto Comprensivo comprende: 

•              la Scuola dell’Infanzia (da 3 a 5 anni) di Santa Maria la Carità (Plesso Petraro);

•              la Scuola Primaria (da 6 a 11 anni) di Santa Maria la Carità (Plesso Petraro);

•              la Scuola Secondaria di 1° grado (da 11 a 14 anni) – sede unica di Santa Maria la Carità.

 

Di seguito i codici meccanografici di ciascun plesso:

Scuola Secondaria di I grado: NAIC8B6005

Scuola Primaria: NAEE8B6017 

Scuola Infanzia: NAAA8B6012

 

Plesso email telefono
 INFANZIA  plessopetraro@libero.it  081 4247532
 PRIMARIA  plessopetraro@libero.it  081 4247532
 SECONDARIA I GRADO  naic8b6005@istruzione.it  081 4611154 / 081 3773508

torna all’indice

 

 Il contesto territoriale

Il territorio comunale di Santa Maria la Carità si estende ai piedi dei Monti Lattari, in quella fertile piana che, diversi secoli fa, andava dall’antica Stabia a Nuceria. Tutto intorno gli fanno da corona: Gragnano, di cui è stato una frazione fino al novembre 1978, Sant’Antonio Abate,  Castellammare, Scafati, Pompei.  Morfologicamente, il territorio interessa una superficie  quadrangolare al cui centro è ubicata la Chiesa Madre e la piazza “E. Borrelli” su cui si affacciano: la Casa Comunale e il complesso Scolastico che ,  sostanzialmente, include  tre ordini di scuola: Infanzia , Primaria e Secondaria di Primo Grado con la presenza del Circolo Didattico E.  De Filippo( Infanzia e Primaria) e il segmento Scuola Media dell’I.C. Ernesto Borrelli. L’I.C. Borrelli è presente sul territorio mediante una Sede Centrale ( Direzione, Uff. Amministrativi e Scuola Secondaria di Primo Grado) e un Plesso distaccato ( Scuola dell’Infanzia e Primaria) ,poco distante dal centro del paese. Il paese da sempre connotato da una economia essenzialmente agricola, ha recentemente ampliato i suoi orizzonti con l’insediamento di  piccole e medio attività imprenditoriali, grazie  all’incremento demografico degli ultimi decenni in cui, inoltre, si è registrata, una cospicua immigrazione di cittadini extracomunitari che si trovano a dover affrontare difficoltà  di occupazione o sottoccupazione . Il tessuto sociale è caratterizzato, quindi, da una comunità in via di aggregazione in cui prevalgono elementi giovani che solo attraverso il sistema scolastico  potranno essere integrati nel contesto locale. Il territorio registra  un forte pendolarismo verso i paesi limitrofi:  per il lavoro,  per l’assenza in loco di istituzioni scolastiche di grado superiore , di strutture pubbliche di aggregazione culturale e ricreativa,  di centri  polifunzionali per gli alunni in situazione di difficoltà e di centri sportivi che rispondano alle esigenze della cittadinanza.    Tuttavia nel territorio convive, una civiltà contadina che continua a custodire e tramandare  tradizioni e usanze popolari , e un contesto cittadino- intellettuale facente capo ad Associazioni Culturali, Sportive e Religiose che le ha raccolte e rielaborate( il Palio in stile medioevale e le annesse manifestazioni  del “Luglio Sammaritano”). Tali Associazioni operano sul territorio e interagiscono con la Scuola offrendo ai giovanissimi giuste opportunità ricreative e sociali, sebbene l’eterogeneo background socioculturale ed economico dei nuclei familiari, l’uso frequente del dialetto e di stereotipi linguistici creano notevoli difficoltà per l’acquisizione delle competenze espressive.   L’ I.C. “E. Borrelli” si inserisce in questo contesto, esprimendo con la sua presenza, libertà, autonomia, solidarietà e qualità educativa che consentono di operare in modo positivo ed efficace nel pieno rispetto della centralità dell’individuo, dall’infanzia alla preadolescenza .

torna all’indice